Blues in maschera

Dell’artista non si butta nulla. I genitori di una mia amica erano amici di Lucio Fontana. Una sera ricevette a casa loro una telefonata piuttosto lunga e, come noi mortali, iniziò a scarabocchiare su di un foglio.
Diversi anni dopo questo foglio riapparve proprio mentre la mia amica stava cercando soldi per il suo primo viaggio in India, in quegli anni (1970) mèta molto ambita.

 

Il Maestro era da poco morto, così lei si recò dalla moglie per farsi
autenticare il foglio. Morale, grazie a quel foglio ha potuto permettersi
una lunga permanenza in India, da cui portò una scimmietta. Tutto bene, a parte per la scimmia, ma forse mi sbaglio. Ma non mi sbaglio a dire che dell’artista non si butta niente.
Per chi non si ricordasse, Lucio Fontana divenne famoso per i suoi tagli su tela: tele intonse con una lacerazione. Il classico “quadro” che si merita il commento “Se lo faceva mio figlio lo incarceravano”. Mi è stato insegnato che uno spazio bianco è sintomo di trascuratezza e di poca voglia di lavorare. La cura nella scelta dei materiali, le prove per capirne resa e durata, segreti carpiti o lungamente ricercati nel continuo prova, sbaglia, ritenta, devono essere sorretti da una passione, ma alla fine rispondono soltanto alle regole e alle leggi che ti sei dato …. come nella vita. Inizialmente i blues dovevano avere una dimensione di stampa standard, impresa rivelatasi ardua.
Per “Maschera bleu” e “Mandala”, qui sopra in versione banner, sono riuscito a trovare una soluzione ma, quando ho realizzato “Maschera verde mini” nel mio standard di allora, 18 X 24 cm. (riuscito bene, ma lontano dalla mia idea), ho rotto gli indugi lavorando senza pormi limiti, ingrandendo, tagliando e realizzando un prodotto decisamente migliore. Confronta “Maschera verde” con “Maschera verde mini”.

Questo superamento dei limiti mi ha permesso di realizzare i Blues duePUNTOzero,
grafica con l’aggiunta di foto digitali. Al riguardo leggi – Zona tecnica –


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.